Castello di Santa Severa: visite gratuite per gli studenti

La regione Lazio comunica che dalla scorsa settimana e fino a marzo prenderà il via un programma di viste gratuite per gli studenti al Castello di Santa Severa. I ragazzi potranno approfondire la conoscenza storica e artistica del castello.

Il Castello di Santa Severa è stato riaperto dalla Regione Lazio il 25 aprile 2017.

La Regione Lazio, in collaborazione con LAZIOcrea, Mibact, Comune di Santa Marinella e Coopculture, ha coinvolto le scuole della regione (secondarie di II grado) in un programma di viste gratuite comprensive di trasporto al Castello di Santa Severa. Le visite, che si svolgeranno fino a marzo, sono iniziate la scorsa settimana. Gli studenti potranno approfondire la conoscenza storica e artistica del castello sorto sull’antico sito etrusco di Pyrgi – la città portuale fondata tra la fine del VII e gli inizi del VI secolo a. C.

La visita guidata permetterà ai ragazzi di ripercorrere la storia che nei secoli ha visto il castello protagonista. Apprendimento e conoscenza culturale dal vivo che rappresenta per i giovani visitatori un mezzo per vivere da vicino le trasformazioni e le evoluzioni del sito che dal III secolo a.C. diventa castrum ed entra a far parte dei domini romani e successivamente abitato fino alla tarda antichità.

Il Castello di Santa Severa è stato riaperto dalla Regione Lazio il 25 aprile 2017, ha numerosi musei al suo interno e una serie di grandi eventi sono stati organizzati durante tutta l’estate; per il periodo autunnale serate di grande valore e mostre internazionali. In attesa della nuova musealizzazione che avverrà nei prossimi mesi e l’apertura dell’ostello, diventa un momento cruciale il rapporto con le scuole superiori del Lazio e la possibilità di ammirare questo patrimonio storico in modo gratuito per gli studenti.

“La valorizzazione di un patrimonio unico come il Castello di Santa Severa passa anche e soprattutto per il rapporto con le scuole della nostra regione. Il progetto delle visite gratuite si inserisce infatti all’interno di un percorso che dallo scorso aprile vede l’apertura quotidiana del castello e che permetterà ad alunni e docenti di scoprire un luogo straordinario, ricco di storia e tradizione”- così il vicepresidente con delega alla Scuola, Massimiliano Smeriglio.


Pubblicata il 06 febbraio 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.