Via dell'Irto, snc - 04013 Sermoneta (LT) - Tel. 0773 319010
Saggio-spettacolo

PONTENUOVO 2019 Saggio-spettacolo

Saggio-spettacolo

Oggi 14 maggio 2019 alle ore  17.00, al teatro Ponchielli gli alunni delle classi quarte del plesso di Pontenuovo dell’Istituto Comprensivo “Donna Lelia Caetani”  Sermoneta Norma, diretti dal maestro Ciro Paduano e coordinati dalle insegnanti Guarnacci Marilena e Di Vincenzo Carla, si sono esibiti in un saggio- spettacolo, momento finale di un progetto di body percussion condotto nelle tre classi durante l’anno scolastico.

Lo chiamiamo saggio spettacolo perché da una parte è la condivisione con i genitori del lavoro svolto durante l’anno e quindi un saggio e dall’altra il livello elevato delle competenze tecnico musicali maturate  in soli due anni di lavoro ha garantito una qualità pari a quella di un vero e proprio spettacolo.

Il tema di quest’anno è stato “Il viaggio”.  Le insegnanti di classe insieme all’esperto esterno hanno sviluppato un percorso didattico che a partire dal tema proposto ha raggiunto diverse discipline: scienze, matematica, italiano, lingua straniera, geografia, educazione motoria, dimostrando che la musica è potuta servire sia come mezzo (collegamento interdisciplinare) sia come fine (performance musicale).

Lo spettacolo è iniziato con sequenze sovrapposte di body percussion per entrare sul palco e una volta che i gruppi avevano raggiunto la postazione assegnata, i bambini hanno eseguito un canone motorio e melodico a tre voci e subito dopo un canto estratto da un’opera sinfonica di H. Villalobos.

Un momento lirico e toccante è stato quando i bambini, accompagnati da un canto hawaiano, hanno recitato dei loro versi (invenzione di piccoli haiku sul tema del viaggio….”il viaggio è…”) confermando come nel percorso didattico non sia mancato il momento creativo e compositivo.

La performance è proseguita con un repertorio di canti a più voci scelti da tradizioni di diversi  continenti (America del nord, sud America, Africa), sequenze molto complesse di brani di body percussion e cori parlati a tre voci inventati ad hoc con i bambini.

A chiusura della perfomance c’è stato un canto africano molto energico in lingua swahili dove i bambini hanno intonato la melodia e suonato sequenze di body percussion. Una delle insegnanti accompagnava il brano con la chitarra mentre l’esperto esterno suonava il djembe e l’altra insegnante di classe si occupava delle scenografie e della proiezione di video e immagini relative a quello che stavano cantando o suonando i bambini.

A conclusione dell’evento c’è stato un momento molto interessante e divertente (preparato in precedenza dalle insegnanti di classe) nel quale bambini e pubblico (genitori e parenti) hanno intonato un canto tradizionale locale “Sermoneta mea” a sottolineare che il viaggio partiva e arrivava proprio dal luogo in cui si erano svolte le attività scolastiche e il luogo nel quale i bambini vivono e allo stesso tempo si è voluta abbattere la distanza tra pubblico ed esecutori.

In ultimo ma non meno importante c’è da dire che le insegnanti e l’esperto esterno hanno utilizzato le competenze specifiche di alcuni bambini delle classi e cioè visto che alcuni alunni studiano strumento (chitarra, violino, violoncello)  al di fuori dell’ambito scolastico, si è fatto in modo che questi bambini suonassero i loro strumenti all’interno dello spettacolo in sinergia con i propri compagni.

In conclusione si può dire che questi bambini con la loro musica, con il loro impegno con la loro serietà e quasi, oserei, dire professionalità con la quale hanno condotto la performance, ci hanno emozionato, travolto con la loro gioia e la loro profonda competenza musicale.


Pubblicata il 15 maggio 2019

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.